Stai cercando norme per

Procedimento: Autorizzazione agli scarichi idrici su suolo o in sottosuolo

Comune di Trezzo sull'Adda

Regolamento del servizio idrico integrato

Comune di Terracina

Attivazione delle entrate proprie ai sensi dell'art. 251 D.Lgs 267/2000 Integrazione della deliberazione n. 484 del 18.10.2011
Attivazione delle entrate proprie ai sensi dell'art.251 D.Lgs. 267/2000 Settore Trasporti, Ecologia e Ambiente, Parchi e Verde Pubblico , Canile , Tutela Animali

Provincia di Bergamo

Determinazione degli oneri per la copertura delle spese di istruttoria dei procedimenti di competenza della Provincia in materia di autorizzazioni allo scarico di acque reflue in corpo idrico superficiale e/o su suolo/strati superficiali del sottosuolo

Regione Puglia

Disciplina delle acque meteoriche di dilavamento e di prima pioggia” (attuazione dell’art. 113 del Dl.gs. n. 152/06 e ss.mm. ed ii.)
Disciplina degli scarichi di acque reflue domestiche o assimilate alle domestiche di insediamenti di consistenza inferiore ai 2.000 A.E., ad esclusione degli scarichi già regolamentati dal S.I.I. [D.Lgs.n.152/2006, art.100 - comma 3]

Regione Emilia Romagna

Linee guida di indirizzo per la gestione acque meteoriche di dilavamento e acque di prima pioggia in attuazione della deliberazione G.R. n. 286 del 14/2/2005.
Direttiva concernente indirizzi per la gestione delle acque di prima pioggia e di lavaggio da aree esterne (art. 39, DLgs 11 maggio 1999, n. 152).
Integrazione e rettifiche alla deliberazione 9/6/2003, n. 1053 "Direttiva concernente indirizzi per l'applicazione del DLgs 11/5/1999, n. 152 e successive modifiche, recante disposizioni in materia di tutela delle acque e dell'inquinamento".
Direttiva concernente indirizzi per l'applicazione del DLgs 11 maggio 1999, n. 152 come modificato dal DLgs 18 agosto 2000, n. 258 recante disposizioni in materia di tutela delle acque dall'inquinamento.

Stato Italiano

Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali

Criteri e norme tecniche generali per la disciplina regionale dell'utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e degli scarichi dei frantoi oleari, di cui all'articolo 38 del decreto legislativo 11 maggio 1999, n. 152.